I Padrini del Ponte

I Padrini del Ponte
Affari di mafia sullo Stretto

lunedì 1 novembre 2010

Pesanti sospetti di tratta sulle adozioni di bambini del Guatemala

Forte allarme sociale per il boom delle richieste di adozione internazionale di minori guatemaltechi. Nel paese centroamericano non esiste una legge che regolamenti il fenomeno ed è altissimo il rischio della tratta.

Secondo la Procuradoría General de la Nación sono state oltre 3.500 le richieste di adozione di bambini nel corso del 2004, quasi il 20% in piú di quelle dell`anno precedente. Il 90% delle richieste di adozione proviene dagli Stati Uniti, seguiti dalla Germania e da altri paesi europei. Grazie a questo rapido boom il Guatemala é giunto ad occupare il 4* posto a livello mondiale per il numero di adozioni internazionali, secondo quanto riferisce l’Organizzazione delle Nazioni Unite. Il fenomeno ha creato forte allarme tra le organizzazioni sociali e la stessa Procuradoría de los Derechos Humanos, che in assenza di una legge statale che regolamenti le adozioni, denunciano il rischio di un vero e proprio mercato di minori, specie neonati.

Attualmente una coppia straniera che si reca in Guatemala spende tra i 15 e i 30.000 dollari USA per adottare un bambino, comprese spese amministrative e notarili, le cure mediche prenatali e neonatali e quelle relative al parto della madre. Secondo il quotidiano Prensa Libre sarebbero giá 35 i siti internet che offrono bambini guatemaltechi in adozione.

Il Segretario Generale della Procuradoría de la Nación, Renè Chinchilla Barrientos, ha pure denunciato come si stiano intensificando i casi di giovani madri di altri paesi dell’area centroamericana, in particolare del Salvador, che richiedono ed ottengono carte di identità guatemalteche presso i registri civili dei dipartimenti di frontiera, per poi partorire e "vendere" i propri figli in Guatemala.

Proprio a causa della mancanza di regolamenti giuridici nelle procedure di adozione, Canada, Germania, Spagna, Francia, Olanda e Regno Unito hanno decretato la sospensione delle adozioni di bambini provenienti dal Guatemala. Da parte sua, il 14 dicembre 2004, la Procuradoría de los Derechos Humanos ha emesso una risoluzione con la quale si sollecita il Congresso della Repubblica ad approvare finalmente la legge sulle adozioni il cui testo é ancora in fase di discussione.

La Procuradoría de los Derechos Humanos ha pure rilevato l’aumento degli abbandoni di neonati da parte dei loro genitori. Mensilmente si registrerebbe in Guatemala una media di 4 denunce di ritrovamento di neonati; molti di essi sono rinvenuti in grave stato di disidratazione e desnutrizione.


Articolo pubblicato in Terrelibere.org il 12 gennaio 2005

Nessun commento:

Posta un commento