Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

La tormentata vita del lido di Capo Peloro tanto caro ad Emilia Barrile & C.

Un lunga querelle amministrativa fatta di notifiche, divieti, ricorsi, sentenze e controricorsi: da una parte i gestori di uno dei lidi più frequentati a Capo Peloro; dall’altra gli uffici del Dipartimento Edilizia Privata e i Vigili urbani del Comune di Messina. Nel 2015 a Palazzo Zanca c’era chi dubitava sulla legittimità dell’occupazione di un’ampia area demaniale, nella splendida spiaggia che si affaccia sullo Stretto, da parte dello stabilimento balneare. Venivano sollecitati gli accertamenti ispettivi in loco e, dopo la verifica della relativa documentazione presso gli uffici competenti della Regione Siciliana, nel giugno 2017 veniva notificata al legale rappresentante della società La Punta Peloro Srl un’ordinanza di “cessazione immediata dell’attività di gestione dello stabilimento balneare Punta Peloro e della connessa attività di somministrazione di alimenti e bevande poiché esercitate senza le valide autorizzazioni amministrative”. Il drastico provvedimento a firma del dirig…

Ultimi post

Quel pasticciaccio della palazzina di via Felice Bisazza

Messina e Il Terzo Livello. Emilia Barrile e quel lido a Capo Peloro

L’ultima verità della prof Patrizia Livreri, la Zarina del MUOS