I Padrini del Ponte

I Padrini del Ponte
Affari di mafia sullo Stretto

lunedì 6 dicembre 2010

Parte da Sigonella nuova esercitazione Nato nel Mediterraneo

Il Joint Force Command di Napoli ha reso noto che dal 3 al 16 marzo, 10 nazioni appartenenti alla Nato forniranno 6 sommergibili, 10 pattugliatori e 16 unità di superficie per partecipare alla più importante esercitazione annuale anti-sommergibile.

L’esercitazione avrà luogo nel Mar Ionio a sud-est delle coste della Sicilia. Le forze saranno fornite da Canada, Francia, Germania, Grecia, Italia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Turchia. Sei sommergibili forniti da Francia (1), Germania (1), Grecia (1), Spagna (1), e Turchia (2) prenderanno parte all’esercitazione. Ogni sommergibile avrà l’opportunità di ricoprire vicendevolmente il ruolo di cacciatore e preda. Anche le unità di superficie della Nato dello Standing Nrf Maritime Group 2 vi parteciperanno, insieme a una fregata francese e a navi della Italian Maritime Force (Itmarfor).

"L’esercitazione - si legge nel comunicato emesso dal Comando Nato di Napoli - ha lo scopo di dimostrare la determinazione della Nato al mantenimento di un elevato livello d’efficienza in operazioni anti-som, anti-superficie e sorveglianza delle coste, con l’uso di una forza multinazionale composta da navi, sommergibili e aerei. Oltre ai tradizionali ruoli e missioni dei sommergibili, quest’anno le loro capacità saranno esercitate anche in supporto della difesa anti-terrorismo". I pattugliatori aerei forniti da Canada, Francia, Italia, Portogallo e Stati Uniti opereranno dalla base di Sigonella in Sicilia. Prenderanno inoltre parte alla esercitazione elicotteri italiani Asw dal vicino aeroporto di Fontanarossa-Catania.

Sono pianificate più di 65 missioni aeree e di media si prevede un briefing ogni quattro ore, in tutto l`arco della giornata, durante l’intera esercitazione. Nm-05 sarà guidata dal comando delle Forze marittime di Napoli.

Articolo pubblicato in Terrelibere.org il 27 febbraio 2005

Nessun commento:

Posta un commento