I Padrini del Ponte

I Padrini del Ponte
Affari di mafia sullo Stretto

venerdì 19 settembre 2014

Aerei made in Italy al Ciad dei diritti umani violati


Le forze armate del Ciad, uno dei paesi più poveri del continente africano, sta per ricevere dall’azienda italiana Alenia Aermacchi (gruppo Finmeccanica) un nuovo esemplare dell’aereo di trasporto tattico C-27J “Spartan”. In questi giorni, il velivolo da guerra sta effettuando gli ultimo test di volo dall’aeroporto di Torino Caselle; un altro C-27J è stato consegnato al Ciad nel dicembre 2013. Per i due velivoli, il regime di N’Djamena ha sborsato più di 106 milioni di dollari; l’accordo con Alenia Aermacchi prevede la fornitura di un anno di supporto logistico, di parti di ricambio per due anni, due kit di protezione balistica, un kit di ricerca e soccorso e uno di evacuazione medica.

Lo “Spartan” è in grado di effettuare molteplici missioni militari tra cui il trasporto truppe, merci e sanitario, il lancio di materiali e di paracadutisti, il supporto alle operazioni di protezione civile. Può imbarcare sino a 11 tonnellate di carico (compresi 60 militari o 46 paracadutisti), ha una velocità di crociera di 583 Km/h e un raggio d’azione compreso tra i 4.260 e i 5.926 Km, a secondo del carico trasportato.

Il Ciad è il secondo paese africano dopo il Marocco ad acquistare il velivolo di Alenia Aermacchi. I C-27J sostituiranno la coppia di Antonov An-26 di produzione russa entrati in servizio nel 1989. Grazie ai nuovi velivoli da trasporto made in Italy, le forze armate del Ciad potranno estendere il loro raggio d’azione sino al Mediterraneo o all’equatore, coprendo un’area dell’Africa caratterizzata dai sempre più numerosi conflitti.

Secondo quanto rivelato da alcuni dispacci inviati a Washington dal corpo diplomatico Usa residente a ‘Ndiamena, il governo del Ciad avviò le procedure d’acquisto con l’azienda italiana a fine 2008, dopo aver preferito lo “Spartan” al C-130J “Super Hercules” prodotto negli Stati Uniti da Lockheed Martin. “Scegliere i C-27J sarebbe più economico per le autorità del Ciad che acquistare i C-130J e non dovrebbe essere più costoso che comprare C-130H riadattati”, si legge nel cable Usa. “I C-27J possono atterrare in molti più aeroporti del Ciad dei più grossi C-130, sia nella versione J o H, così da complementare gli sforzi del Governo degli Stati Uniti a rendere i militari del Ciad pronti a combattere il terrorismo nelle vaste, remoti, scarsamente popolate e non governate regioni settentrionali del Sahara e del Sahel”. Il Dipartimento di Stato ha investito importanti risorse umane e finanziare per consolidare la partnership con le autorità del Ciad. A fine maggio, l’amministrazione Obama ha autorizzato l’invio a N’Djamena di un  contingente militare di 80 unità e di un velivolo-spia a pilotaggio remoto “Predator” per concorrere alle attività d’intelligence e “antiterrorismo” e operare nell’individuazione delle fazioni islamiche radicali accusate del rapimento in Nigeria di 275 giovani studentesse. “La task force resterà in Ciad fino a quando non sarà risolta la vicenda del sequestro”, ha spiegato il presidente Obama in una nota inviata al portavoce della Camera dei Rappresentanti, John Boehner. A metà aprile un team della Special-Purpose Marine Air-Ground Task Force Africa 14, la forza di pronto intervento del Corpo dei Marines istituita di recente nella base siciliana di Sigonella per intervenire negli scacchieri più critici del continente africano, è intervenuta nello Zakouma National Park, per addestrare un centinaio di ranger ciadiani in “piccole operazioni tattiche, pattugliamento, tiro, mobilità terrestre e contrasto ai traffici illeciti”. Sempre dall’Italia sono partiti a giugno i reparti di US Army Africa, il Comando delle forze terrestri statunitensi per il continente africano di stanza a Vicenza, che insieme alla 2^ Brigata di fanteria Usa di Fort Riley, Kansas, hanno svolto un intenso ciclo addestrativo nel deserto a favore di più di 4.000 militari di Ciad, Guinea e Malawi. Sempre nel 2014, US Army Africa Vicenza e un team di medici dell’esercito provenienti dagli Stati Uniti d’America hanno condotto una lunga esercitazione di “pronto intervento sanitario” presso l’Ospedale militare di N’Djamena.

L’alleanza tra le autorità governative del Ciad, l’amministrazione Obama e il complesso militare industriale occidentale si rafforza nonostante aumentino a livello internazionale le denunce sulle gravissime violazioni dei diritti umani perpetrate nel paese africano. “In Ciad, sindacalisti, giornalisti e difensori dei diritti umani hanno subito arresti arbitrari, minacce, vessazioni, intimidazioni e il sistema di giustizia penale è stato usato per vessare oppositori politici”, riporta l’ultimo rapporto annuale di Amnesty International. Le libertà d’espressione sono negate anche ai diversi leader religiosi. Il 14 ottobre 2013, il governo ha ordinato l’espulsione dal paese del vescovo cattolico di Doba, monsignor Michele Russo, a seguito di un’omelia pronunciata durante una messa, in cui si denunciava la malversazione delle autorità e l’iniqua distribuzione delle ricchezze derivanti dai proventi petroliferi nella regione.

“Nel corso del 2013 sono proseguiti gli arresti arbitrari e le detenzioni preprocessuali per lunghi periodi”, aggiunge Amnesty. “Si sono succedute notizie secondo cui nelle file dell’esercito nazionale del Ciad venivano reclutati minori, anche in numeri massicci. È proseguito anche il reclutamento e l’impiego di minori da parte di gruppi armati ciadiani e sudanesi”. In particolare, sempre secondo l’organizzazione non governativa, molti bambini nei dipartimenti di Assoungha e Kimiti, nella regione orientale del Ciad, si sarebbero recati in Sudan per prestare servizio in diversi gruppi armati.Le forze di sicurezza e le guardie carcerarie hanno continuato a infliggere punizioni crudeli, disumane e degradanti, comprese percosse, nella pressoché totale impunità”. Penitenziari come gironi infernali, superaffollati, senza assistenza medica, dove il cibo e l’acqua sono insufficienti e i rischi di contagio delle malattie come la tubercolosi sono altissimi. “Nella maggior parte delle carceri, uomini, donne e minori venivano tenuti indiscriminatamente assieme, mentre ad Abéché, Sarh e Doba, i reclusi spesso venivano incatenati”, denuncia Amnesty.
Ancora più gravi le condizioni di vita dei sempre più numerosi rifugiati che riescono a raggiungere il Ciad dai paesi confinanti. Secondo l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR), al 31 dicembre 2013, 281.000 cittadini sudanesi erano “ospiti” in dodici campi profughi nella regione orientale del Ciad, mentre 79.000 rifugiati provenienti dalla Repubblica Centrafricana risiedevano nel sud del paese. In quasi tutti i casi si tratta d’insediamenti “informali”, dove i rifugiati arrivano stremati e denutriti, alcuni con evidenti segni di ferite d’arma da fuoco o affetti da dissenteria, scabbia e malattie infettive. Come rileva ancora l’UNHCR, “gli scarsi aiuti e le condizioni d’insicurezza generale che regnano nei campi rifugiati alla frontiera con la Repubblica Centrafricana rischiano di generare una seconda crisi umanitaria in Ciad, oltre quella che si vive oggi nel vicino paese”. Ciononostante, l’11 maggio 2014 il presidente ciadiano Idriss Déby ha annunciato la chiusura dei 1.000 chilometri di frontiera con la Repubblica Centrafricana, decisione che secondo Amnesty International “avrà un impatto devastante su uomini, donne e bambini in fuga da un conflitto in cui la violenza peggiora di giorno in giorno”. Un mese prima, le forze armate del Ciad avevano formalizzato il ritiro del contingente di 850 soldati dalla forza di peacekeeping dell’Unione africana nella Repubblica Centrafricana, dopo che alcuni militari ciadiani erano stati accusati, sulla base di prove credibili, di aver aperto il fuoco in modo indiscriminato contro i civili.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.