Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Give Peace a Chance. Al via Carovana in Ucraina per sostenere obiettori e costruttori di pace

  Da una parte l’establishment politico-militare di Mosca che per ribaltare le sconfitte al fronte ordina il richiamo di oltre 300.000 riservisti e minaccia a “scopo difensivo” l’uso di armi nucleari tattiche. Dall’altra il regime ucraino che invoca ancora più armi micidiali (dai droni killer ai missili a medio raggio) e si dichiara disponibile a trattare solo dopo aver conquistato la Crimea e il Donbass. Inizia l’autunno ma il conflitto russo-ucraino è ancora lontanissimo dal mostrare un pur minimo raffreddamento. Anzi, è in atto una pericolosissima escalation bellico-militare, irresponsabilmente alimentata dalle cancellerie dei paesi membri della NATO. Da Washington a Londra, da Parigi a Roma e Berlino, sembra assistere ad una folle gara tra chi soffia di più sull’incendio divampato nel cuore dell’Europa orientale dopo l’invasione russa del 24 febbraio scorso. Ma è ancora possibile fermare una guerra che ha già prodotto conseguenze devastanti in mezzo mondo, ri-alimentando gli irri

Ultimi post

Gli ordini di attacco nucleare? Transitano pure dalla base siciliana di Sigonella

Alzabandiera di militari e studenti per salutare l’inizio della scuola. E l’Italia ritorna ai tempi del Ventennio

L’Italia compra da Israele aerei-spia per 550 milioni di dollari

Mondiali di calcio: i militari italiani si schierano a bordo campo in Qatar

Draghi & C. ultimo atto: vendita blindati a oligarca per armare milizie e truppe speciali ucraine