I Padrini del Ponte

I Padrini del Ponte
Affari di mafia sullo Stretto

giovedì 15 ottobre 2015

Allagata a Messina la palestra-lager per i minori stranieri non accompagnati


Dopo l'allagamento nella mattinata di giovedì 15 ottobre di una parte della palestra di Gravitelli utilizzata in violazione alle leggi nazionali e regionali e al senso etico dal Comune di Messina per "ospitare" una cinquantina di minori stranieri non accompagnati scampati alle guerre del continente africano e ai naufragi el Mediterraneo (alcuni, ancora, di età compresa tra i 13 e i 15 anni), la chiusura immediata di questo centro-lager è un atto ancora più doveroso e necessario.

Nei giorni scorsi le ispezioni di professionisti e studiosi delle problematiche relative alle migrazioni, attivisti dei diritti umani, giornalisti, operatrici di Borderline Sicilia (associazione premio nazionale "Alex Langer 2014"), la deputata regionale del M5S Valentina Zafarana, il consigliere circoscrizionale Santino Bonfiglio, ecc. avevano evidenziato inaudite violazioni normative e gravissime anomalie e criticità. La pioggia torrenziale di oggi ha messo ulteriormente a nudo l'insostenibilità e l'irresponsabilità della scelta degli amministratori messinesi che adesso hanno il dovere d'intervenire per restituire dignità e assicurare il rispetto dei diritti umani a minori a chi il mondo intero ha negato sino ad oggi dignità e diritti.

L'assenza di legittimi tutori dei minori al PalaGravitelli, la presenza di personale "volontario" (massimo 2 operatori per turni sino a 12 ore provenienti dal Centro Ahmed, altra struttura assai lontana dai requisiti e dagli standard imposti dalla legge regionale per le strutture di prima accoglienza), di cui, tra l'altro, si sconosce il rapporto formale esistente con il Comune di Messina ecc, sono ulteriori elementi che rendono assai scandalosa l'esistenza del Centro-PalaGravitelli.

C'è poi il capitolo vergognoso relativo all'imposizione del prelievo delle impronte digitali ai minori ospitati al Centro Ahmed e a Gravitelli. Quello delle impronte digitali è una questione dolorosa e controversa anche in ambito Ue, duramente stigmatizzata da giuristi, dalle reti di sostegno ai migranti, ONG e associazioni antirazziste. In questi mesi, richiedenti asilo e rifugiati hanno messo in pratica in Italia azioni di disobbedienza civile contro queste pratiche fasciopoliziesche e sicuritarie; per i minori, privati di qualsivoglia sostegno giuridico e psicologico, è invece del tutto impossibile potersi esimere da esse. Sappiamo purtroppo, che questa pratica a Messina è all'ordine del giorno, realizzata anche in assenza dei tutori (o senza la nomina stessa dei tutori), e a volte i minori sono stati "accompagnati" in Questura pure da operatori-"volontari".
L'ennesima vergogna di una città che non ha mai voluto misurarsi seriamente con la falsa emergenza sbarchi e che ha consentito a partire dalle sue principali istituzioni (Prefettura, Questura, Università, ente locale) l'esistenza da più di due anni di lager per rifugiati come la Tendopoli dell'Annunziata e la (ex) caserma di Bisconte; del Centro Ahmed (ex Ipab) dove sono stipati oltre 200 minori e, dal 3 settembre 2015, perfino di una gelida palestra comunale (Gravitelli) dove sino a venerdì 9 ottobre c'erano perfino bambini di 10 anni di età.



CHIUDERE IMMEDIATAMENTE IL CENTRO-LAGER PER MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI NELLA PALESTRA DI GRAVITELLI A MESSINA

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.